Pedagogia Curativa

per la Formazione degli Insegnanti Steineriani

 

Scuola "Raphael"

Nel settembre 2006 nasce la scuola Raphael, corso di formazione triennale in pedagogia curativa antroposofica. Questa formazione si sviluppa a seguito dell'esperienza pratica di insegnamento della durata di un ciclo completo, dalla prima all'ottava classe, di pedagogia curativa, in seno all'associazione Kaspar Hauser,presso la scuola Waldorf di Oriago.

L'impulso venne dato dal dottor Bruno Callegaro, che in precedenza aveva seguito l'iniziativa pedagogico/curativa sin dal suo nascere. Il collegio responsabile del percorso formativo comprende anche la dott.ssa Annamaria Pino e Sandro Marangon, già attivi professionalmente, nella conduzione delle classi di pedagogia curativa dell'Associazione Kaspar Hauser.

La scelta del collegio di formazione si orientò, sin dall'inizio, verso una sostanziale presenza di attività artistiche, sia plastico/pittoriche che ritmico/musicali/linguistiche, per rendere possibile, grazie ad esse, giungere a una "comprensione", cioè a un graduale processo di elaborazione personale, delle tematiche affrontate nelle lezioni teoriche.

Durante i fine settimana, nei tre anni di corso, viene affrontata la visione antropologica dell'essere umano, sia dal punto di vista medico che pedagogico, attraverso lo studio dei testi fondamentali di Antroposofia generale e di Pedagogia. Centrale diviene lo studio del "Corso di Pedagogia Curativa" , che permette di approfondire l'Antropologia in senso medico/meditativo, per una comprensione profonda dell'Essere Umano in ogni sua particolarità. Durante le settimane intensive, viene affrontata la didattica, caratteristica della scuola Waldorf.

L’obiettivo è offrire agli studenti una preparazione che permetta, attraverso la conoscenza dell'essere umano, di sviluppare uno sguardo amorevole nei confronti di qualsivoglia piccola o grande "difficoltà", partendo da una "percezione oggettiva", e, attraverso la successiva "osservazione", di arrivare a comprendere le motivazioni che vivono dietro al fenomeno sensibile. Sostenuti da questo, essere in grado poi di trovare la relazione tra le necessità di sviluppo dei bambini e il piano di studi, ovvero scoprire la via appropriata che porti salute attraverso l'Arte dell'educazione.

Accanto a quanto già accennato, la motivazione della scuola Raphael è quella di unire più figure professionali che, collegialmente, possano accogliere, sostenendoli, esseri umani che abbiano scelto un percorso di vita alla ricerca di cura dell'anima, ma anche di fornire quegli strumenti conoscitivi e attuativi, che permettano una maggiore comprensione antropologica e che rispondano alle esigenze dei nostri tempi, così difficili per il processo di incarnazione dei bambini.

Dall'agosto 2017 siamo riconosciuti dalla Ausbildungstätte für Heilpädagogik und Sozialtherapie auf anthroposophischer Grundlage – Dornach (CH).

Per la segreteria organizzativa,  contattare:  segreteriaraphael@libero.it

Per la segreteria pedagogica, contattare:  scuola.raphael@libero.it

Docenti

Alberto Calò | Ginnastica Bothmer

Ha praticato atletica leggera nuoto e lotta libera. Praticando AIKIDO in Italia Europa e Giappone, negli anni ’80 ha aperto un proprio Dojo. In seguito si è diplomato come insegnante di ginnastica Bothmer a Stoccarda dove ha approfondito la scherma e la giocoleria, ha insegnato nelle scuole Waldorf dalla I all’VIII classe, in molte altre realtà a ragazzi, adulti e nell’ambito psichiatrico e della dipendenza.

Angelika Spielberger | Canto Werbeck

Nata in Germania dove ha studiato canto dall’età di undici anni con Hildemarie Keim, docente della Musikhochschule di Stoccarda e cantante lirica. All’età di vent’anni si è trasferita in Italia conseguendo la laurea in Lettere Moderne presso l’università La Sapienza di Roma e partecipando come soprano e voce solista al coro delle voci bianche dell’Accademia Filarmonica Romana. Parallelamente alla sua attività artistica ha conseguito il diploma in cantoterapia presso la Scuola del disvelamento della voce a Langenberg-Velbert in Germania. Lavora come cantoterapeuta nel proprio studio collaborando con medici, psicologi e terapisti e insegna musica e canto sia nelle scuole Waldorf che in quelle pubbliche. Inoltre si occupa di formazione in ambito terapeutico, artistico e pedagogico.

Annamaria Pino | Medicina

Laureata in medicina e chirurgia a Padova, ha conseguito la formazione in medicina Antroposofica a Roncegno e quella in pedagogia curativa a Verona. Medico scolastico presso alcune scuole steineriane in italia,  ha seguito per otto anni le classi di pedagogia curativa dell’  Ass. K. Hauser nella scuola di Oriago. Collabora, in qualità  di docente, alla formazione degli insegnanati presso l’accademia Aldo Bargero, e nel corso di arte terapia “Cinabro.

Claudio Puglisi | Arte della Parola

Diplomato all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico nel 1973 e,  nel 1982 presso la Rudolf Steiner Schule fuer Sprachgestaltung und dramatische Kunst, Goetheanum, Dornach(CH). Attivo, oltre che come attore e regista, come docente di interpretazione presso scuole di teatro pubbliche e private, in Italia e all’estero come, ad esempio, durante tutti gli anni novanta presso la Schule fuer Sprache und Schauspiel, Dornach (CH). Sin da allora impegnato anche come maestro di arte della parola in alcuni corsi di formazione di base e specialistica di pedagogia (Oriago, Milano, Roma, Manduria).

Fabrizio Aphel | Socioterapia

Diplomato in pedagogia Waldorf nel 1989 a Bologna. Diplomato in Pedagogia curativa e Socioterapia a Epalinges Losanna CH nel 1993. Diploma riconosciuto dal Ministero del Lavoro e della Salute con la qualifica di educatore specializzato. Dal 1989 opera a Casa Löic, Capena (RM) con giovani e adulti con disabilità mentale. Collabora con diverse Formazioni in Italia. E’ stato presidente della Associazione italiana per la Pedagogia curativa e Socioterapia Antroposofiche A.L.I. E’ tuttora cooptato ne C.D.A.

Gianni Segreto | Modellaggio

Vive a Como dove collabora come insegnante di arte e arte terapia con la scuola di Como/Cantù e con la scuola di Rodengo Saiano come arte terapeuta.  E’ diplomato alla scuola di Arte Terapia Antroposofica “Cinabro”. E’ stato insegnante di classe presso le scuole steineriane di Aosta e Reggio Emilia.

Renata Piovesan | Bagni e Frizioni Ritmiche

Operatrice in medicine complementari, insegnante di Frizioni Ritmiche, membro del consiglio direttivo dell’Associazione Italiana Discipline Ritmiche, lavora a Breda di Piave (TV) in studio privato con Frizioni Ritmiche, Massaggio Ritmico, applicazioni esterne e bagni. Collabora con alcune scuole Waldorf del Veneto e con diversi medici Antroposofi.

Rossana Celeghin | Pedagogia Curativa

Ha ricevuto il diploma di pedagogia curativa dal R.Steiner Institut di Kassel. È stata insegnante d’asilo presso la scuola steineriana di Oriago per sette anni e per otto anni ha insegnato nella classe di pedagogia curativa presso l’Ass. K.Hauser nella scuola di Oriago, consulente in alcune scuole steinriane. Si occupa di formazione collaborando col  seminanario di Pedagogia biennale e triennale presso l’Accademia Aldo Bargero e col seminario di Arteterapia “Cinabro”. Attiva come conferenziere dal 2006.

Sandro Marangon | Euritmia

Studio e abilitazione all’insegnamento dell’euritmia presso l’Accademia d’Olanda. Corsi di perfezionamento presso la Libera Università di Scienza dello Spirito, Dornach (CH). Intensa attività artistica come componente dell’Ensemble Elisabeth Day con tournèes in centro e nord Europa e insegnamento dell’euritmia nelle scuole Waldorf di Lucerna e Muenchenstein (Basilea) Specializzazione in euritmia terapeutica la Sezione Medica della Libera Università dello Spirito di Dornach e Istituto Clinico-terapeutico Ita Wegman di Arlesheim (Basilea). Vive e lavora in Italia come terapeuta, in collaborazione con medici e istituzioni scolastiche a indirizzo steineriano e di pedagogia curativa.

Silvia Ortelli | Pittura e Disegno di Forme

Arteterapeuta, lavora dal 1988, dapprima dieci anni all’interno di strutture psichiatriche territoriali con impostazione psicodinamica e,  a seguito del diploma conseguito  nel 2000 presso l’Alanus Hochschule After in Germania, particolarmente nell’ambito dell’età evolutiva. Ha collaborato per 12 anni con la scuola Rudolf Steiner di Milano, per sei anni attivamente nel progetto della classe di pedagogia curativa nella stessa scuola. Docente responsabile del corso di formazione in Arte Terapia "IL CINABRO"  di Milano e di Oriago.

 

Corso Triennale

due fine settimana al mese e una settimana intensiva

Corso di formazione e approfondimento in pedagogia curativa. Per insegnanti, educatori, medici, terapeuti, assistenti, operatori psico/socio/sanitari, che si occupano di bambini e ragazzi bisognosi di cure speciali.

 

Questo corso è indirizzato a coloro che intendono acquisire, ampliare e approfondire le proprie competenze professionali nel campo della pedagogia curativa, ovvero a coloro che intendono seguire o seguono  bambini e ragazzi con disabilità  fisiche, mentali, sociali, multiple. Si tratta di un corso triennale   e il primo ciclo ebbe inizio nel settembre 2006. Il corso si articola in un fine settimana al mese per dieci mesi e due settimane estive. Questa formula è stata scelta per permettere la frequenza a coloro che già lavorano.

Per accedere al corso si richiedono almeno due anni di pratica di insegnamento nella pedagogia tradizionale o nella pedagogia Waldorf. Il corso prevede momenti conoscitivi,  di pratica artistica ed esperienze di cura del corpo. Il tutto è finalizzato, oltre all’acquisizione delle necessarie competenze professionali, anche ad un processo di autoeducazione e di ampliamento delle qualità sociali.

 

Tutti gli elementi conoscitivi verranno orientati attraverso esperienze concrete per evitare che essi assumano un carattere teorico, unilaterale,  isolato dalla pratica stessa. Anzi, questa ultima è la base e il fondamento del percorso formativo, poiché permette di conoscere attraverso l’azione e la successiva riflessione.

 

 Le esercitazioni nelle varie arti sono un elemento  fondamentale di tutta la preparazione  dell’educatore. Esse sviluppano la fantasia e la creatività . Euritmia, pittura, modellaggio, disegno di forme e dinamico, musica e canto, arte della parola, lavoro manuale, ginnastica, hanno il compito di favorire processi di trasformazione interiore e di sviluppare le qualità sopra citate, per il compito educativo e curativo, per configurare creativamente la sfera della vita e l’ambiente sociale dei bambini e dei ragazzi bisognosi di cure dell’anima.

 

Per la cura del corpo, aspetto  molto importante  nell’ambito della pedagogia curativa, sono previste esperienze di  frizioni e applicazioni esterne.

 

Durante il corso saranno affrontati temi ed esperienze in campo sociale. L’autoconoscenza e l’’impulso alla trasformazione di se stessi uniti alla comprensione dell’altro porteranno a sviluppare qualità collegiali, senza le quali non può essere svolto il compito della pedagogia curativa.

 

Il colloquio pedagogico verrà esercitato ogni fine settimana del percorso di studi. L’esercizio di questo strumento, permette la collaborazione di tutte le figure professionali che sono indispensabili nella pedagogia curativa: medico, terapeuti, insegnanti.

 

Alla fine di ogni anno accademico, durante le settimane intensive, i docenti incontreranno singolarmente i corsisti per dialogare rispetto al percorso formativo. Durante il corso dell’anno potranno essere richiesti colloqui personali sia da parte dei docenti che degli studenti. Sarà prerogativa del collegio insegnati ogni decisione rispetto al proseguo del percorso formativo individuale.

Tale percorso si dovrà concludere entro i tre anni successivi al triennio di frequenza.

 

Ammissione al corso

  • Colloquio di ammissione. Il corso è a numero chiuso (massimo 20 iscritti)

  • Sono necessari due anni di lavoro pratico con bambini.

  • È richiesto il titolo di studio previsto dalla Legge e un certificato di sana e robusta costituzione fisica e mentale.

  • La frequenza è obbligatoria. Eventuali assenze andranno recuperate alla fine dei tre anni. È però possibile partecipare a tutto il lavoro o in parte senza obbligo di frequenza o di titolo adeguato, in qualità di uditori previo accordo con il collegio docenti.

 

Tirocinio

Tre settimane all’anno (per un totale di 9 settimane nei tre anni) in classi di pedagogia curativa in Italia o all’estero, concordati con il collegio docenti. (Tirocinio in osservazione) Un  anno di lavoro in una struttura di pedagogia curativa. (Tirocinio pratico)oppure un anno di lavoro in classi di pedagogia curativa con tutoraggio, da concordare con i docenti del seminario stesso.

 

Relazioni

Le conferenze del testo “Corso di Pedagogia Curativa” verranno affrontate attraverso le domande che risulteranno dallo studio individuale. Ad ogni lezione di pedagogia verrà presentato,  a cura di un corsista, un colloquio pedagogico,  sia scritto che in forma orale, per la successiva discussione. Lo studente dovrà raccogliere tutti i propri lavori, i propri appunti e osservazioni in una cartella personale attraverso la quale potrà mostrare aspetti del proprio percorso di lavoro (portfolio). Una copia dello stesso verrà depositato nella segreteria del seminario. Dopo ogni esperienza di tirocinio,  si richiede una relazione sia scritta che orale. Sarà a discrezione di ogni singolo docente richiedere altri elaborati.

 

Tesi

Alla fine del percorso formativo,  il corsista presenterà una tesi su un argomento scelto,  individuando  un tutor per lo studio

 

Attestati

Alla conclusione dei tre anni di corso lo studente riceverà un certificato di partecipazione, al quale seguirà, una volta effettuati eventuali recuperi, il certificato di frequenza. Il diploma definitivo sarà rilasciato dopo un anno di lavoro presso una classe di pedagogia curativa in relazione al giudizio che la scuola stessa invierà al seminario e alla consegna del portfolio. Nel caso in cui il tutoraggio venga effettuato dai docenti della scuola Raphael saranno questi a rilasciare una relazione conclusiva. Non sono previsti certificati per coloro che frequentano come auditori oppure certificarti di frequenza parziale.

Orari

Sabato: dalle 8:15 alle 13:15 con pause di 15 minuti ogni ora e mezza di lezione; pausa pranzo; dalle 14:30 alle 18:30 con pause di 15 minuti ogni ora e mezza di lezione.

Domenica: dalle 8:15 alle 13:00 con pause di 15 minuti ogni ora e mezza di lezione; pausa pranzo; dalle 14:15 alle 15:45 con pause di 15 minuti ogni ora e mezza di lezione. 

Orario per i fine settimana. Per quanto riguarda le settimane estive, si seguirà l’orario del sabato.

 

Primo anno Triennale

Medicina

  • La costituzione dell’organismo umano: aspetti di “Teosofia”

  • Elementi ed Eteri

  • I processi vitali

  • Lo scheletro e organismo sensorio

  •  Embriologia e studio dei quattro organi fondamentali

  • Lo sviluppo organico nel bambino e il piano di studi nella pedagogia steineriana

Terapia

  • Introduzione al massaggio ritmico. Bagni e frizioni ritmiche

Pedagogia

  • Elementi di antropologia generale

  • Introduzione ed esercizio del colloquio pedagogico

  • Studio delle prime quattro conferenze del Corso di pedagogia curativa di R. Steiner

  • Presentazione e sviluppo del piano di studi 1° e 2° classe 

Arti

  • pittura

  • modellaggio

  • euritmia

  • musica e canto Werbeck

  • arte della parola

  •  disegno di forme  

  • lavoro manuale

  •  ginnastica Bothmer

Secondo anno Triennale

Medicina

  • Relazione fra sensi e processi. 

  • Disturbi di apprendimento

  • Le leggi del karma e della reincarnazione

  • Aspetti della “Scienza occulta”. 

  • “Psicologia degli organi” (Psichiatria)

Terapia

  • Frizioni e applicazioni esterne

 

Pedagogia

  • Studio delle conferenze (dalla quinta all’ottava) del “Corso di pedagogia curativa” di Rudolf Steiner

  • Forze plastico pittorico - ritmico musicali

  • Esercizio del colloquio pedagogico (osservazione del bambino e relativa immagine)

  • Sviluppo del lavoro nelle classi 3°, 4° e 5°

  • Arte dell’educazione: Didattica

Arti

  • pittura

  • modellaggio

  • euritmia

  • musica e canto Werbeck

  • arte della parola

  •  disegno di forme  

  • lavoro manuale

  •  ginnastica Bothmer

Terzo anno Triennale

 Medicina

  • Aspetti e casistica nei disturbi del linguaggio.

  • Elementi di “Fisiologia occulta”.

  • Introduzione alla biografia umana

  • Temi dalla “Filosofia della libertà”.

  • L’uomo invisibile in noi

 Terapia

  • Frizioni e applicazioni esterne

 

Pedagogia

  • Studio delle conferenze (dalla 9° alla 12°) del “Corso di Pedagogia curativa” di Rudolf Steiner.  

  • Colloquio pedagogico.  Studio di biografie importanti per la cultura.

  • Introduzione alla socioterapia

  • Autoeducazione del maestro

  • Piano di studi della 6°, 7° e 8° classe.

  • “Arte dell’educazione: conversazioni di tirocinio”

Arti

  • pittura

  • modellaggio

  • euritmia

  • musica e canto Werbeck

  • arte della parola

  •  disegno di forme  

  • lavoro manuale

  •  ginnastica Bothmer

 

Richiedi Informazioni

Compila il seguente modulo e richiedi le informazioni che ritieni necessarie selezionando il corso a cui ti riferisci ed un nostro referente ti contatterà nel minor tempo possibile per un confronto! 

Scegli una delle seguenti opzioni

Libera Accademia

per la formazione antroposofica

Aldo Bargero

2020 All rights reserved Libera Accademia "Aldo Barghero"  |  Web Design Antonio Passarelli